venerdì 15 giugno 2012

Il tos(c)ano e la Oppe...:)

Ribuongiorno/buonasera...
questo blog sta prendendo una strana piega, di tutto un po'.
Forse sto andando un po' fuori tema, ma ci sono cose che non si possono non condividere.
Fan troppo ridere!
Sarà che cerco il positivo in tutta e mi invento la vita in rosa anche quando non lo è...però ci sono dei momenti che accadono nella mia quotidianeità che fan sbregare.


Parliamo dei toscani e della lingua toscana (lasciamo perdere la terra toscana perchè altro non è che  SPLENDIDA SPECIALE!).
i genitori di Any sono toscani, pisani per la precisione...PISSANI detto correttamente. Per noi veneti un casino proprio capirli.
Poi dicono di parlare italiano...tzè!
Qui parlo appunto di Pissa e non di altre terre toscane.
 Per chi non ha orecchio il toscano è tutto uguale, ma per chi come me ha una convivenza coatta con un toscano-veneto ha imparato a distinguere gli accenti...e sono ben diversi vi assicuro!

Quindi adesso parliamo Pissano!

Intanto come avete letto, per pronunciare correttamente Pisa e dintorni, serve la doppia S.
PISSA, PISSANO ETC.
Quindi la pubblicità della coca cola di qualche anno fa "Ciao sono Giulia e vengo da Pisa..." era tutto fuorchè pisana...
Su youtube c'è la parodia fatta da un pissano vero...fantastica!
Ve la posto qui, giusto per farvi rendere conto

http://www.youtube.com/watch?v=BCubP-Sk_V8

E' cosi. Così sono e così parlano. Se volete qualche traduzione sono disponibile:)

Poi
La C non si pronuncia. Non si aspira. Non esiste proprio!
es. la asa (la casa), le ose (le cose), Raele (Rachele), la arne (la carne), la vaanza (la vacanza)... (le vocali sempre larghe mi raccomando)
      LA OPPE!!!!!
avete una vaga idea di cosa possa essere la Oppe???

Quando l'altro giorno abbiam chiesto indicazioni per un fiorista e il nonnetto mi ha detto "Passate la Oppe..." Io ho pensato subito alle coppe...e quindi...UN NEGOZIO DI ARREDI SACRI....(fa te che trip mentali ti fa fare la mente!)... e invece era la Coop!!!
Quando poi Stefano me l'ha spiegato io non fcevo che ridere e Ian, che mi vedeva imboressa, rideva anche lui!
Avevo le lacrime.

Ma poi ci son mille cose:
Noi si va...
Noi si viene...
Desinare...(pranzare)
Codesto...(ma chi mai usa più "codesto"!!!te lo insegnano solo in grammatica a scuola!)
Ma teeeeee....
La ciccia (la carne)
A ceccia! (seduto!)
Il carrettino (il passeggino)
Oi oi
Giocare a ributtino (pallavolo)
Troiai (schifezze- pocetti)
come sei bellina! (bellissima!)
Cosa c'incastra?!
Spengere (non spegnere eh, SPENGERE...Spengi la luce!)
Diamine!
Maiale!
...


Ah si dimenticavo! I Pissani odiano i livornesi...credo sia tipo guelfi e ghibellini, non so bene...so che un proverbio che gira molto è "Meglio un morto in casa che un livornese alla porta!"...
e dice tutto!

Lo zio Francesco ha regalato una pallina a Ian con scritto: "Pisa olè. Livorno merda."

Poi c'è la E
La E che è una sorta di E larga e vomitosa....difficilissima da pronunciare...quando mi alleno, tra me e stefano non so chi ride di più...
 BARDELLI
MARBELLA
TORDELLI


Insomma i toscani sono fantastici!
E immaginare Galileo che parlava così...ah bhe!!!
Straordinario!

2 commenti: